Il peso delle responsabilità

Share

In questi giorni ho preso una decisione importante frutto di una consapevolezza che una volta emersa è stata prepotente e determinata.

Ho provato a far finta che mi stessi sbagliando, sarebbe stato più comodo.

Vedi che dovresti dire e/o fare una certa cosa, ma la sindrome dello struzzo ti fa dire ma anche no!

Però dentro quella cosa, dolorosa e che ti fa anche un pò paura, lavora e si fa strada.

E per quanto tu voglia resistere, lei è più forte, perché tu resisti con la testa, ma tutto il resto del corpo ti sta urlano, supplicando, spingendo a compiere l’azione che hai scoperto.

Io davvero non so bene come avvenga e perché un giorno succeda, ma credo che sia un pò come quella storiella sui quadri appesi al muro.

Uno lo mette alla parete, lo inchioda per bene, dritto, ben messo, e per le prime volte lo noti anche che sta li bello nel suo splendore. Il quadro sta li per giorni, mesi, anni. Fino a quando, un giorno, senza preavviso, senza una ragione specifica, decide che non è più il tempo di rimane li.

Quindi decide di cadere.

E quando cade, fa rumore, fa male.

Ecco. Credo che sia questo quello che mi è accaduto in questi giorni.

Fram!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *